POESIE



La Mia Gente

Hanno la voce volitiva, hanno modi bruschi,
detestano le belle maniere, quasi si vergognano a dire: grazie.
Hanno pensieri facili: il tempo, la terra, il mangiare.
Hanno passioni antiche: la caccia, il vino, le donne.

Quando bevono sono lavandini stappati.
Quando cantano si vogliono squarciare la gola.
La caccia striminzita, ma le loro donne sono fiori di montagna.
Sono come gli alpini, sono tutti alpini.

Sono forti, non hanno paura di nessuno.
Hanno membra scolpite nel bronzo, le spalle sfidano il quintale
E i lineamenti del viso sono tagliati con laccetta.
Non amano la poesia, non la capiscono
Con questo foglio si accenderebbero una sigaretta.

Morirebbero per un ideale,
e sono sicuri che nellaldil c qualcuno,
i loro svaghi sono elementari,
il loro modo di vivere terra terra,
ma sono sereni come querce a prova di bufera.

Sono lavoratori proverbiali: passano tutti i giorni di tutta una vita
sotto il giogo del lavoro, come i buoi pazienti, e mai un lamento.
Non hanno lo stinco del santo, e quando bestemmiano non temono neppure il loro Dio
Ma vanno certamente in Paradiso i forti uomini delle mie parti.

Umberto Mazzoleni

-----------

Bdech

Tant al me piah Bsech de hira Nel gir de pk, digom tri d,
quando ke 'l hul al he ritira, tc i comenha a peht i p,
tc i h ragi, come lampi a mangi e bif in alegria
i fa am pi bel ol Heler. E a mand al diaol la farmacia.

Me piadereh, he fh pitur, A 'nda h e do di prac de St,
metil in quader coi bei culur; hmper pi bei e h la m,
hota 'l penel, per i m c, a l' 'l histema 'l pi higur
a l' 'l pi bel, pi bel de tc. Per faga i cregn ai dutur.

Di prac del Col, con tac bei fiur, E quando gi 'l he hent guarit
Nig i he hogna i bei culur. Al pl ind ai prac de Ont,
Bisogna gn k a rimir ki bei gran e fac a pohta
Per pud ed la realt. Per pud fa na bela hosta.

De hura i prac gh' la regina, A ramp fina a la hima
Ol noh bel mut, la Culumbina; de la nohta Culumbina,
l' prope l per dumin gh' a la f na bela paga
i prac, la al, fina do al pi. De la grand infadigada.

E prope l, la Culumbina, A hta h 'nshma 'h ved infina
La manda al bah n'aria fina piaha del Dom, la Madunina,
per fa hta b, per rihan tc i hit d'la Lombardia,
i forester d'ogne hit. Ki pi bele ke al mond ghe hia

L'aria pura, fina e filtrada Regurdiv b ht bel paih,
ke 'ndi paghere l' pahada di h belehe de paradih,
e h 'ndi p del Martinel indoe lo "smog", per carit,
a la ga fa 'l regal pi bel. finur l' mia ghem de c.

Frtnac tc ki pulm Ta gh, bel Bsech, de reht ss
Ki glia rehpira 'nda htagi m te 'l cunhiglie per ol t b,
alura h ke i pl ind ke i t belehe am naturai
bei rihanac a la h c. I reste hmper tal e quai.

Anonimo Bossichese (1986)

-----------


La Ncc


La ncc l fsca
e la f pura,
i ram i se slonga
per ciap la lna l sura.
Ol cancl del cimitero li sbat,
gh o rmr in solr
trp frt per s rat,
ma la pura di lte
la f brcc ischrs,
e chl che smea
tate lte l nvrs.
Gh mia ncc sensa d,
gh mia d sensa ncc,

s-ccc st quicc

in di sc lcc.
A l lna e la pura
la dinta stfra
e i cc i se sra.

Emilio Zanoni (2005)

-----------

Tra Orobica

Tra Orobica ta st
la tra de la m zt,
ta tgnet ol m cr

ligt in dna rt.


Ach se gule vi,
de ltra banda dla tra,

ol m pensr al resta a c
a poss n dna paghera.

Al gira per i bsch
e l g mia pura del fsch,
al g a dr al Brmb e al Sre
fina al cunf di nste tre.

P l turna rsa la sit
sura i mre a pos,
ma chl che svd a l trp bel
e lturna sbet a gir.

I ter i dma invidis
e i s mia chl chi dis,
i parla d gels
perch an s in parads.

Emilio Zanoni (2005)

-----------

La M Lngua

Nde a scla de s-ctt e i ma insegnaa litali
mimparaa mia l dialt ma m l parlae a c
m pder, m mder lo parlaa d spss
m nno e m nna i capa adma chl.

Saga lingls al cnta perch
ta p ndaga ncntra quando al ra forestr
ma cap m nno che l parla de la gura
al ma f cap i err fcc sla tra.

Gh rg che la dcc che ol passt a l ndcc
che i nni i sparcc i quase tcc sotrcc
ma se ndesmentga la lngua di nsc vcc
pl das che d an sa conoser gna nd spcc.

Se ta s mia da ndo ta gnt ta s gnando ta ndt

ta p mia conss la zt se ta s gnac chi ta s.

Emilio Zanoni (2005)

-----------

Ol M Gat

Tate sire rie a c stf
a go mia ia de bale
ma l m gat al ria l 
al vl zg.
Al ma prta na balna 
tta mastegada
al vl che ghe la tire

iss l l va a ciapla.

A me la prta ndr
almeno snto lte
p quando l stf l

a la scnd de dr ai porte.

Al ma salta nbrass
al ghe pis e l frunfruna
al ma lca ol nas
e se l pogie ntra al vusa.
Al te arda con du cc
chel par na persuna
anse l anche mi de tata
zt che la ragiuna.
Di lte al raspa i mbei
l n istinto natral
ma me ga use dr
e l l ga rsta mal.
Al maia imp de tt
al ma rba anche l formi
frse chel che lasa l
i i brschte con s lai.
Pnse a la m dna 
al s sguard compgn del t
scsim la citassi 

de pi bro de pi f.

Tate sire s tirt
che p al stmech al bruntula
ma l me gat al ria l 
e l ma consula.


Emilio Zanoni (2005)

-----------

Briscola Ciamada

La ta l compgn 
dna briscola ciamada
m tro chi l to ams
e chi l prnt con dna ciaada.

Gh chi l ciama lass e l tri 
adma per f cas
fin che l sa ra al nf e al t
al cnta mai negt. 


An ra al ss e al sich  
e n comensa a fa del b

an se restacc me el Gioan  
el ma lagat ol d.  

Al part ol Piero co la Marg  
ol Mario al mt n t  
Gigi briscul  
me e chl ter an ghe d negt.  


Gigi l mat al part de crech  

me mte na briscola estida  
chi ter i ndacc ls  
ma ntat la m lo ensida.  

Parte de crech po a m  

l nech che go l  

al salta z di briscul  
i sa maia ol nf col ds.  

Al t s d m ol Gigi  
d pncc adma d o tri  
a pensaga propria b  
la t s adma scart.  

F d gir col tri e col ass  
e d pncc na f fracss  
la capt negt niss  
en comnsa tcc a ards.  

Oramai l lltima m  
i g pi negt de f  
disperacc i salta n p  
sre ciamat d per m.  

La ta l compgn  
dna briscola ciamada  
n p de cl e cr  
ta p ns ach per t cnt.


Emilio Zanoni (2005)

 

Tutti i diritti sono riservati la riproduzione vietata eccetto su autorizzazione. Realizzato da Trabucchi Mirko